Vinc.it


Parker Legris Raccordi rapidi inox per applicazioni alimentari

 

Parker LegrisParker Legris

Nei moderni stabilimenti di produzione alimentare l’utilizzo di aria compressa è spesso fondamentale per i processi produttivi. Indipendentemente dal fatto che l’aria venga a contatto diretto con il prodotto o sia utilizzata per l’automazione di un processo, per fornire forza motrice, per il confezionamento o anche per generare altri gas in loco, al fine di mantenere una produzione efficiente ed economica è essenziale utilizzare materiali progettati per garantire la massima sicurezza del processo.  Per proteggere lo stato di salute dei consumatori la maggior parte dei paesi industrializzati dispone di rigide normative in materia di igiene che è necessario rispettare in tutte le fasi del processo produttivo.

Per rispondere a queste esigenze, Parker Legris presenta la gamma di raccordi in acciaio inox LF 3800 e LF 3900, resistenti chimicamente e facili da pulire, progettati per l’utilizzo nelle principali aree di produzione del processo alimentare. Dalle  zone con superfici a contatto dell’alimento, a rischio di getto di prodotti alimentari , con possibilità di rientro nel ciclo produttivo alle aree definite ” Splash ” di presenza di getti di lavaggio.

 

LF3800_LF390 LF3879LF3801

Un’ampia gamma completa di prodotti in acciaio inossidabile, concepiti utilizzando i metodi di analisi dei rischi  di tipo HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point). Raccordi con un design esterno pulito, facile da igienizzare, per un contatto con i fluidi alimentari permanente, conformi alle norme FDA e 1935/2004/CE.

L’intera documentazione tecnica di queste gamme è disponibile sul sito Vincit, nel settore Motion Systems soluzioni  di automazione pneumatica , così come avete la possibilità di toccare con mano queste tecnologie presso il nostro ParkerStore di Valmadrera.

Vi aspettiamo con piacere

Orario 8 – 12.00 – 13.30 – 17.30

Adesivo_10x82.indd

Pubblicato Marco Leidi 03.12.2017

 

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0